Ultime news

La nostra storia

L'iniziativa di dar vita a detta Sezione prese corpo all'inizio di quell'anno per volontà di alcuni Alpini trentini tra i quali, principal­mente, il Tenente Ferruccio Stefenelli, che in breve riuscirono a rintracciare alcuni commi­litoni locali e, dopo un paio di riunioni, a dar corpo alla Sezione di Trento dell'A.N.A.. La "Legione Trentina" fu il primo naturale vi­vaio della novella Sezione. Gli unici Alpini della comunità trentina erano, giocoforza, i volontari trentini della Legione, cui si unì qualche nucleo di Alpini giunti in Trentino da altre province italiane per ragioni di lavoro. Fin dalla sua nascita, infatti, la Sezione di Trento dell'AN.A. si rivelò strettamente legata - per idealità, per intenti e per la comune militan­za di numerosi dei suoi iscritti - alla S.A.T.

Il primo Presidente della Sezione A.NA fu il Legionario trentino, Capitano degli Alpini (Btg. "Edolo") rag. Guido Larcher, uomo dal­le prerogative eccezionali, animatore audace ed instancabile - il quale anche nei momenti più difficili seppe conservare una serenità, u­na fermezza ed una fede veramente esem­plari - che contemporaneamente ricopriva anche la carica di Presidente della S.A.T.

Non basta, il segretario della Sezione AN.A., il Legionario trentino, Medaglia d'Oro, Ten. Ferruccio Stefenelli era, nello stesso tempo, anche segretario della S.A.T.

Successivamente, per esigenze di opportu­nità e in esito alle rispettive finalità, parzial­mente diverse, le due associazioni scelsero di svolgere le proprie attività in sedi diverse e con iniziative separate, pur rimanendo strettamente legate da ideali, passione per la montagna e per lo sport alpino. Questa stretta simbiosi di pensiero e azione tra i due sodalizi costituirà, solo qualche an­no dopo, il logico collante che fece si che Guido Larcher aderisse immediatamente e con piena concorrenza di intenti alla propo­sta di Andreoletti affinché la S.A.T. cedesse all'A.NA i ruderi e i diritti su ciò che resta­va del Rifugio Contrin. Se ciò avvenne, è giusto e doveroso ram­mentare che fu soprattutto per la compren­sione e lo spirito di collaborazione dimostra­ta da Guido Larcher che ciò fu possibile. (dal libro "Il Rifugio Contrin in Marmolada").

Dal 1994 i Nu.Vol.A. sono inseriti nel settore logistico del Dipartimento di Protezione Civile della Provincia.

L'Associazione può promuovere iniziative di carattere sociale e assistenziali in favore di categorie o gruppi di persone che versino in condizioni di particolare disagio morale o materiale.
L'Associazione può inoltre dare attuazione a ulteriori iniziative nel campo del volontariato della protezione civile previste da leggi o regolamenti dello Stato e della Provincia Autonoma di Trento.

La â€śProtezione Civile A.N.A. Trento” è un’associazione di Volontariato avente sede presso la Sezione provinciale A.N.A. di Trento, costituita il 25 gennaio 1986.
All’atto costitutivo erano presenti e così eletti:

Presidente dei Nu.Vol.A.
Bonenti Daurino

Consiglio Direttivo
Cavazzani Nereo, Poli Armando, De Pol Osvaldo, Zorzi Marco, Endrizzi Angelo, Anzelini Luigi

Revisori dei Conti
Amadori Angelo, Pizzedaz Piergiorgio, Fontanari Marco

Supplenti ai Revisori
Maccani Franco, Aloisi Piergiorgio

Collegio dei Probiviri
Kirchner Mario, Carbonari Roberto, Ebranati Aldo, Riolfatti Mario, Pedrotti Luigi, Bauer Sergio, Bertolini Ugo, Vaia Elio, Debiasi Giorgio, Sommadossi Alessandro, Civettini Adriano, Dalpiaz Onorio, Targher Giuliano, Martinelli Giancarlo, Montibeller Augusto

cookie policy