Ultime news

Esercitazione di P.C. "Pasubio 94"

Massiccio del Pasubio, 17-18-19 giugno 1994

Le scelte sui luoghi e sulle modalità degli interventi sono state dettate da considerazioni di carattere generale in primo luogo e poi, come del resto accade sempre, da indicazioni pratiche di carattere specifico.

La Sezione di Vicenza non ha voluto dimenticare gli Altipiani dei Sette Comuni, l’Ortigara, il Cengio, il Grappa, anche se territorialmente pertinenti alle altre sezioni di Asiago e Bassano. Ma ha creduto di vedere riassunto nel Massiccio del Pasubio tutto ciò che può ricordare gli anni e le vicende del 1° conflitto mondiale, le gesta eroiche ed i tanti morti di quel periodo.
Il Sacello-Ossario di Colle Bellavista conserva le spoglie dei Caduti della invitta 1^ Armata e quelle del loro Comandante Gen. Pecori Girali, ma questo prestigioso monumento, ultimato nel 1926, non ha beneficiato in quasi 70 anni, secondo molti, di alcuna particolare attenzione, quale sembra invece essere stata riservata agli altri nella zona, il Laiten ad Asiago, quello di Cima Grappa e quello di Monte Cimone di Tonezza.

Il suo stato di conservazione richiedeva con assoluta urgenza un intervento massiccio, specialmente nel numero dei volontari, e questo è il motivo per il quale uno dei cantieri di lavoro è stato destinato a questo specifico scopo.
Non è mancata ovviamente l’attenzione per le varie strade che portano in vetta al Pasubio, a Cima Palon, ai Denti Italiano ed Austriaco ecc., pertanto si è voluto migliorare, anche qui, lo stato di abbandono e di dissesto di queste importanti arterie.

Parliamo della nota “Strada delle Gallerie”, forse la più importante, senz’altro la più geniale realizzazione dell’ingegneria militare (strada percorribile a piedi); della “Strada degli Scarubbi”, ritabile che da Bocchetta Campiglia conduce a Porte Pasubio e quindi alla Chiesetta di Santa Maria; della strada della “Val di Fieno”, rotabile che da Pian delle Fugazze porta fino alla Galleria d’Havet (dove esiste uno sbarramento) e prosegue poi (percorribile a piedi) fino al Rifugio “A. Papa” e meglio definita “Strada degli Eroi”.

Anno dopo anno aumentava il loro stato di degrado e perciò ogni possibile intervento doveva considerarsi non solo opportuno ma decisamente utile.

I lavori eseguiti vennero così suddivisi:

SACELLO OSSARIO – Colle Bellavista

Lavori eseguiti:

  • Installazione di un ponteggio metallico, alto 34 metri, su tutti e quattro i lati del Sacello. Prima settimana del mese di giugno
  • Lavaggio esterno delle pareti, con idro-pompe e detergenti speciali
  • Stuccatura delle fessure, crepe e fughe, con cemento di marmo e Water-Bloc
  • Sostituzione rivestimenti in rame della cupola, sporti e davanzali delle finestre, ecc...
  • Verniciatura, in due mani, di tutta la superficie esterna con prodotto speciale idro-repellente
  • Pulizia e sistemazione del piazzale
  • Smontaggio del ponteggio.
    Ultima settimana di giugno.

Volontari impiegati:

  • Mediamente 10-12 al giorno, durante il lavoro preparatorio e sino alla fine di giugno
  • Totale nella giornata del 18 giugno n° 78

STRADA “DEGLI SCARUBBI” (da Bocchetta Campiglia alla Galleria)

Lavori eseguiti:

  • Esecuzione di cunettoni in asfalto (e parte in cemento) mediante sagomatura della sede stradale con materiale ghiaioso reperito in sito e/o trasportato in loco
  • Esecuzione e/o rifacimento di muretti in sasso
  • Esecuzione di cordoli in sasso sopra-muro o sotto-strada con scalino per imbocco sentiero
  • Pulizia di tombini, caditoie, scoli d’acqua. Interventi di pulizia generale, disgaggi su pareti rocciose (con personale specializzato) ecc...

Volontari impiegati:

  • Totale n° 80

STRADA “DEGLI SCARUBBI” (da Galleria a Chiesetta Santa Maria)

Lavori eseguiti:

  • Rifacimento muri in sasso, a secco o con pietrame legato, sopra-strada o sotto-strada. Idem per i muri in sasso e cordolo sotto-strada con scalino per imbocco sentiero
  • Recupero paracarri in pietra da scarpata a valle e nuova collocazione
  • Pulizia tombini e caditoie ostruiti
  • Interventi di pulizia generica e sistemazione ordinaria del piano viabile nei tratti particolarmente danneggiati dalla stagione invernale

Volontari impiegati:

  • Totale n° 30

STRADA “VAL DI FIENO” (da Pian delle Fugazze alla Galleria d’Havet)

Lavori eseguiti:

  • Esecuzione di 18 cunettoni in cemento armato con rete elettro-saldata. Rinforzo del punto di scarico con gradino realizzato in sasso e punto di caduta sistemato con pietre
  • Rifacimento e/o sistemazione di muretti di sostegno, con sasso faccia a vista legato con malta di cemento
  • Esecuzione di cunette in terra, con sistemazione scarpata a valle
  • Sistemazione del fondo stradale, nei punti più disastrati, con impiego di materiali esistenti in sito o ricavati da livellamenti di sporgenze createsi per effetto di deflusso di acque di scolo

Volontari impiegati:

  • Totale n° 70

STRADA “DELLE GALLERIE” (da Bocchetta Campiglia a Porte Pasubio)

Lavori eseguiti:

  • Pulizia generale delle gallerie e della strada, con l’asportazione di terra, ghiaiotto, sassi ed altro materiale di deposito per l’azione del tempo e dell’inverno
  • Abbassamento del piano di calpestio in alcune gallerie e pulizia del fondo
  • Rifacimento cunettoni all’esterno. Idem per cunettoni interni di scarico da finestre
  • Rifacimento muretti di sostegno a monte, massicciate e bordi superiori di muri sottostrada

Volontari impiegati:

  • Totale n° 130

STRADA DEGLI “EROI” (da Galleria d’Havet a Rifugio “A. Papa”)

Lavori eseguiti:

  • Rifacimento di muro alla Galleria d’Havet
  • Sgombero di massi e detriti e pulizia generale di cunette e scoli d’acqua
  • Recupero di paracarri originali divelti o caduti a valle e loro ricollocazione in sito ai bordi della strada

Volontari impiegati:

  • Totale n° 15

RIFUGIO “ACHILLE PAPA”

Lavori eseguiti:

  • Scavo, all’esterno del Rifugio, per una lunghezza di 100 metri, per la realizzazione di una tubazione di scarico e collocazione in opera di 40 metri di tubazione

Volontari impiegati:

  • Totale n° 15

Le Sezioni che parteciparono all’esercitazione furono:

  • BASSANO DEL GRAPPA
  • BELLUNO
  • CIVIDALE
  • CONEGLIANO
  • GORIZIA
  • PADOVA
  • PALMANOVA
  • PORDENONE
  • TRENTO
  • UDINE
  • VALDAGNO
  • VERONA
  • VICENZA

I Volontari di supporto nel corso di tutte le operazioni furono:

  • Gruppo Alpini “Val Leogra” di Schio, addetti al Campo Base ed alla organizzazione generale
  • Squadra antincendio boschivo del Gruppo Alpini di Alte Ceccato, addetti al settore collegamenti radio, accoglienza ecc...
  • Squadra del Soccorso Alpino di Schio
  • Croce Rossa Italiana – Comitato Prov.le di Vicenza
  • Croce Rossa Italiana – Sottocomitato di Schio
  • Croce Bianca di Verona
  • IV Corpo d’Armata Alpino di Bolzano e Vigili del Fuoco di Trento (per possibili interventi di eli-soccorso)
  • Ospedale Civile di Schio
  • Comunità Montana “Leogra-Timonchio”
  • Servizio Forestale dello Stato
  • Alpini ed Amici della fase preparatoria dei lavori al Sacello Ossario

ALLEGATI

cookie policy